Prioritario sostenere l'economia e il sistema sociale

L'assessore allo sviluppo economico, ricerca e lavoro al congresso della Uil del Trentino
L'assessore provinciale allo sviluppo economico, ricerca e lavoro è intervenuto questo pomeriggio alla tavola rotonda sul tema "Focus Europa – economia e società”, organizzata nell'ambito del congresso della Uil del Trentino che si è svolto oggi presso la cantina storica Rotari a San Michele all'Adige. Alla tavola rotonda ha partecipato anche il direttore generale della Provincia autonoma di Trento Paolo Nicoletti. L'assessore ha sottolineato l'impegno della struttura amministrativa provinciale nel dare attuazione alle politiche in tema di sviluppo economico e lavoro. Ha espresso soddisfazione per la valutazione positiva ricevuta dalla Provincia a proposito delle azioni realizzate in materia di ricerca, innovazione, politiche di sviluppo e nuove tecnologie. L'ottica con cui si approcciano questi temi, ha spiegato l'assessore, è quella di sostenere l'economia e il sistema sociale, le famiglie e i lavoratori salvaguardando il loro benessere.

Paolo Nicoletti è intervenuto sul ruolo della Provincia per lo sviluppo del territorio. Ha evidenziato che il PNRR (in Trentino circa 1 miliardo e mezzo di euro) rappresenta una grande opportunità, soprattutto in questo momento, per dare un contributo all'economia e quindi alla generazione di Pil.

E’ stato previsto, ha aggiunto Nicoletti, un sistema di monitoraggio degli effetti e degli impatti degli investimenti fatti con le risorse del PNRR; si farà quindi una grande attenzione alla qualità della spesa.

L'assessore è intervenuto inoltre sul tema demografico, sull'occupazione giovanile e sulla valorizzazione dei giovani, che non deve significare penalizzare chi ha già raggiunto una posizione professionale. Il PNRR, ha aggiunto, aiuterà una crescita strutturale. Nel piano nazionale, ha sottolineato poi l’assessore, sono particolarmente importanti le riforme, la transizione ecologica e digitale, la spinta all'innovazione e la valorizzazione del capitale umano.

Nel dibattito è entrato anche il tema dell’aumento dei costi in particolare dell’energia e delle materie prime. Sul tema energetico, ha detto l’assessore, non è facile intervenire e serve un impegno comune a livello nazionale ed europeo. Il sostegno a famiglie e alle imprese, ha però sottolineato, è al centro delle politiche provinciali.

L’assessore ha citato infine come positive esperienze di confronto il Forum per la ricerca e gli Stati generali del Lavoro ed ha ricordato le prossime opportunità di ulteriore confronto con le parti sociali.

Torna all'inizio