L'Agenzia del Lavoro e gli Open Data

IL CATALOGO DEGLI OPEN DATA DELL'AGENZIA DEL LAVORO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

UFFICIO STUDI DELLE POLITICHE E DEL MERCATO DEL LAVORO

L’Agenzia del Lavoro e gli Open Data

L’Agenzia del Lavoro della Provincia Autonoma di Trento individua nel paradigma dell'Open Government una via per creare una Pubblica Amministrazione aperta e che dia vigore all'innovazione nei confronti di cittadini ed imprese.  Gli Open Data (Dati Aperti) rappresentano uno dei capisaldi di tale strategia. Il principio fondamentale degli Open Data è che i dati pubblici e in generale tutto il Patrimonio Informativo Pubblico, nel rispetto della normativa vigente di riferimento, appartiene alla collettività e come tale deve essere valorizzato permettendo di ri-utilizzarlo a chiunque ne abbia interesse e per qualsiasi scopo legittimo.

L’Agenzia del Lavoro intende promuovere una politica attiva di graduale apertura del proprio patrimonio informativo in sintonia con lo spirito delle disposizioni normative in tema di dati dell’Agenzia per l’Italia Digitale - AGID ed in particolare della strategia ODT - Open Data in Trentino per perseguire insieme la costruzione di un’Economia Europea dei Dati nell’ambito del Mercato Unico Digitale dell’Unione Europea.

Nella consapevolezza che il processo di pubblicazione dei dati è un'operazione continua e costante l’Agenzia del Lavoro inizia la graduale pubblicazione del proprio patrimonio informativo con l’apertura dei dataset dell'Appendice Statistica del 31° e del  32° Rapporto sull'occupazione in provincia di Trento e di alcune serie storiche inerenti il Mercato del Lavoro nella Provincia Autonoma di Trento.

 

La direttiva 2013/37/UE (direttiva PSI 2.0) ha modificato radicalmente lo scenario in materia di “Riutilizzo della Informazione del Settore pubblico”, declinando il principio generale secondo il quale “…Gli Stati membri provvedono affinché i documenti cui si applica la presente direttiva … siano riutilizzabili a fini commerciali o non commerciali …”, fermo restando l’ambito di applicazione delineato dalla direttiva medesima. Tale principio è stato naturalmente ripreso dalla norma italiana di recepimento della direttiva (Decreto Legislativo 18 maggio 2015, n. 102), diventando quindi un preciso adempimento per le amministrazioni.

Il Codice dell'Amministrazione Digitale, recentemente modificato con il Decreto Legislativo 13 dicembre 2017, n. 217 , nel nuovo art. 1 Definizioni), lettera l-ter) intende per “dati di tipo aperto (Open Data) : i dati che presentano le seguenti caratteristiche:

  1. sono disponibili secondo i termini di una licenza o di una previsione normativa che ne permetta l’utilizzo da parte di chiunque, anche per finalità commerciali, in formato disaggregato;
  2. sono accessibili attraverso le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, ivi comprese le reti telematiche pubbliche e private, in formati aperti ai sensi della lettera l-bis), sono adatti all’utilizzo automatico da parte di programmi per elaboratori e sono provvisti dei relativi metadati;
  3. sono resi disponibili gratuitamente attraverso le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, ivi comprese le reti telematiche pubbliche e private, oppure sono resi disponibili ai costi marginali sostenuti per la loro riproduzione e divulgazione salvo quanto previsto dall’articolo 7 del decreto legislativo 24 gennaio 2006, n. 36 (integralmente modificato dal Decreto Legislativo 18 maggio 2015, n. 102  che ha recepito il principio di tariffazione della Direttiva PSI 2.0);

Quindi si tratta di dati principalmente gratuiti che è possibile scaricare e riusare liberamente anche per fini commerciali. Tali dati sono pubblicati per: operatori pubblici, privati o commerciali, ricercatori, analisti, organizzazioni della società civile e per chiunque abbia la necessità di questo tipo di dati da utilizzare nelle proprie attività per creare nuove conoscenze e nuove economie basate sui dati.

Tutti i dati e i contenuti rilasciati dalla Agenzia del Lavoro in questa area tematica del sito sono rilasciati in formati aperti secondo quanto previsto dal Codice dell'Amministrazione Digitale all’art. 1 Definizioni,  lettera l-bis) che definisce un “formato aperto: un formato di dati reso pubblico, documentato esaustivamente e neutro rispetto agli strumenti tecnologici necessari per la fruizione dei dati stessi”.

I dati ed i contenuto dell’ Agenzia del Lavoro sono rilasciati secondo le licenze “Creative Commons”  specificatamente secondo la Licenza CC-by 4.0 International IT.

L’Agenzia del Lavoro intende perseguire la graduale apertura del proprio patrimonio informativo in piena sintonia e coordinamento con ODT - Open Data in Trentino - messa a sistema del processoper realizzare in modo federato il processo di apertura del patrimonio informativo pubblico. 

I dati e i contenuti resi disponibili in formati aperti dall’Agenzia del Lavoro saranno pertanto accessibili dal punto unico di accesso dati.trentino.it che rappresenta un catalogo di dati riusabili che permette la ricerca, l'accesso, l'anteprima e il download dei dati aperti e quindi il loro riuso è garantito sotto il profilo sia tecnologico che giuridico.

Il catalogo dati.trentino.it è il punto di accesso per alimentare con i dati del sistema trentino il nodo nazionale dei dati aperti italiano dati.gov.it e da qui il nodo europeo costituito dallo European Data Portal.

Torna all'inizio