Dalla scuola al lavoro che piace, il futuro che si chiama artigianato

Tempo di iscrizioni on line: l'opzione delle scuole professionali
Studiare per diventare e poi fare l'artigiano può essere per un giovane una garanzia per il futuro, e gennaio è il mese giusto per pensarci. Da lunedì 7 gennaio e fino al 31 dello stesso mese le famiglie potranno infatti presentare le domande di iscrizione on line alle istituzioni scolastiche e formative del sistema educativo provinciale relative all'anno scolastico 2020/2021, e tra le opzioni da prendere in considerazione vi sono naturalmente anche le scuole professionali, che offrono un ampio ventaglio di opportunità non sempre e non da tutti conosciute. Il portale della scuola trentina "vivoscuola" è già un primo punto di partenza informativo mentre diretta ad accendere le passioni dei giovani che hanno voglia di fare è la campagna di comunicazione "Tu che cosa farai da grande?" curata dall'Alta formazione grafica dell'Istituto Artigianelli in collaborazione con il Servizio Artigianato e Commercio e l'Ufficio Stampa della Provincia, che vuole veicolare il messaggio della positività della scelta della formazione professionale.



In stretta sinergia con il mondo professionale artigiano è anche il progetto "Reload - ricambio generazionale", rilanciato dal protocollo recentemente sottoscritto dalla Provincia e dall'Associazione Artigiani con l'intento di contrastare la disoccupazione, in particolare quella giovanile, sostenere la nascita di nuove imprese nel comparto dell’artigianato, investire sulla crescita delle competenze delle micro e piccole imprese soprattutto artigiane, evitare la perdita di esperienze e capacità a fronte della cessazione di attività e favorire il ricambio generazionale. Obiettivi che puntano a promuovere la crescita economica e lo sviluppo del Trentino e che proprio la filiera formativo-professionale dell'artigianato può spingere in avanti, verso il futuro. 

Chi si iscrive al primo anno di una scuola professionale sa già che, al termine del proprio percorso formativo troverà una sorta di "via diretta" al lavoro. "Reload", termine da cui prende nome il progetto, significa caricare di nuovo, ricaricare: l'artigiano che giunge al termine della sua attività lavorativa non lascia che questa si esaurisca, ma permette che si rinnovi, fornendo a chi prenderà il suo posto tutte le sue competenze e le sue conoscenze. Allo stesso modo un giovane artigiano o aspirante tale viene "caricato", come avviene per un file, di nuove competenze e conoscenze, per proseguire l'attività del suo predecessore.

A questo fine, saranno realizzati interventi di formazione in azienda, e fuori da questa, per chi è interessato ad avviare una propria attività. Si svilupperanno azioni di promozione delle professioni artigiane nell’ambito del sistema scolastico e formativo provinciale, anche per accrescere le professionalità utili all’inserimento nelle aziende che già operano sul territorio provinciale. Sono previste inoltre attività di facilitazione nell’accesso al credito e di garanzia sui finanziamenti necessari all’avvio di nuove attività imprenditoriali. La Provincia opererà soprattutto attraverso Trentino Sviluppo e Agenzia del lavoro. Trentino Sviluppo dovrà individuare e rendere disponibili all’Associazione Artigiani le risorse economiche necessarie, integrare le azioni attuate dall’Associazione, in particolare per la parte dei servizi di consulenza e assistenza tecnica al ricambio generazionale e allo start up d’impresa, e dovrà inoltre ricercare e sviluppare, in collaborazione con il Dipartimento sviluppo economico e lavoro, possibili forme di accesso al credito da parte degli aspiranti imprenditori.

Agenzia del Lavoro avrà il compito di finanziare o attuare attività formative, di attuare il progetto di intervento sull’imprenditorialità giovanile denominato YEP, Youth Entrepreuner Path, di realizzare campagne di sensibilizzazione, di facilitare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro nel settore artigiano, sia per nuovi imprenditori che per soggetti disoccupati. Saranno coinvolti anche l’Assessorato all’artigianato, commercio, promozione, sport e turismo per la promozione, in collaborazione con l’Ufficio stampa della Provincia, dell’artigianato e delle numerose e qualificate opportunità di lavoro e crescita che questo offre e l’Assessorato all’Istruzione, Università e Cultura, nell’ambito delle iniziative di orientamento previste dal sistema scolastico e formativo provinciale, per una maggiore conoscenza fra gli studenti delle professioni artigiane e di progetti di sviluppo della capacità imprenditoriale. Si punta anche a facilitare la dislocazione sul territorio delle attività formative, per esempio attraverso l'eventuale programmazione di percorsi serali e la promozione e lo sviluppo dell’apprendistato duale.

Se i ragazzi e le loro famiglie non colgono le opportunità che il mondo dell'artigianato offre, e quindi non partecipano ai percorsi formativi delle scuole professionali, non ci saranno nuove risorse da immettere nel mondo del lavoro in questo settore, a rischio di perdere capacità e potenzialità preziose.

https://www.vivoscuola.it/tuchecosafaraidagrande  

Torna all'inizio