Compie 10 anni il GiPro-Giovani e professioni

L'assessore Daldoss: "Valorizzare il talento dei giovani profesionisti"
Compie 10 anni il GiPro, asociazione costituita dai rappresentanti dei vari ordini e collegi professionali con età inferiore a 39 anni. Un traguardo importante, per una realtà che rappresenta oltre cinquemila giovani professionisti diffusi sul territorio provinciale, coprendo una grande varietà di tipologie professionali suddivise informalmente in 3 aree d’azione: Area tecnica, Area giuridico- economica e Area Socio-sanitaria. Ma prescindere dal tipo di lavoro svolto, come ribadito ieri nel corso della cerimonia tenutasi al castello del Buonconsiglio, alla presenza anche degli assessori provinciali Carlo Daldoss, Sara Ferrari e Luca Zeni, il giovane professionista ha delle caratteristiche comuni: è il portatore di saperi sedimentati nel tempo e aperti all’innovazione, è un giovane che investe sul futuro unendo capacità imprenditoriali e professionali, è insomma un elemento indispensabile della struttura economica e rappresenta il prototipo del lavoratore del futuro, sempre meno dipendente e sempre più lavoratore autonomo.



"Un importante traguardo per questa organizzazione che raggruppa più di venti professioni, operando a 360 gradi, dalla formazione alla valorizzazione più piena dei giovani professionisti - ha sottolineato nel suo intervento l'assessore Daldoss - in un mercato del lavoro che ha sempre più bisogno delle loro idee, del loro talento, delle loro capacità. Credo che anche come Provincia dovremmo fare uno sforzo per valorizzare ancora maggiormente questo patrimonio, dedicandoci un po' meno alle progettazioni dirette e un po' di più alla pianificazione complessiva, e facendo sì che i professionisti possano partecipare attivamente alla realizzaizone dei progetti che portano sviluppo alle nostre comunità. Grazie al GiPro, dunque, per le molte attività che svolge, con l'augurio che possa proseguire anche in futuro".

Immagini e intervista all'assessore Daldoss a cura dell'ufficio stampa

Torna all'inizio