Sostegno al reddito per lavoratori sospesi

Intervento di sostegno al reddito per lavoratori sospesi

Che cos'è

E’ un sostegno al reddito a favore dei lavoratori sospesi, che integra quello erogato dallo Stato nei periodi di sospensione dal lavoro.

A chi è rivolto

Sono destinatari del sostegno al reddito i lavoratori sospesi, beneficiari di cassa integrazione guadagni ordinaria, straordinaria o di assegno ordinario e di solidarietà previsti dai fondi di solidarietà di cui al Decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 148.

Sono esclusi i lavoratori sospesi per evento meteorologico.

Ne hanno diritto esclusivamente i lavoratori che svolgono la propria attività presso unità operative localizzate in provincia di Trento per tutto il periodo per cui l’integrazione salariale è riconosciuta.

L’indennità è riconosciuta al singolo lavoratore solo a fronte di almeno 300 ore di sospensione per ciascun semestre dell’anno, che si riducono, proporzionalmente, nel caso di part-time.

Obbligo formativo

Per poter ottenere tale integrazione è necessario frequentare regolarmente un corso di formazione (almeno 80% delle ore complessive) per ogni semestre di riferimento. Per ottemperare all’obbligo relativo al primo semestre (1 gennaio – 30 giugno) è necessario frequentare un corso entro il 30 settembre e per ottemperare all’obbligo relativo al secondo semestre (1 luglio – 31 dicembre) è necessario frequentare un corso entro il 31 marzo dell’anno successivo.

E’ ammessa la frequenza di corsi organizzati da Agenzia del lavoro o da altri soggetti, purché certificati da idoneo attestato di frequenza.

I corsi organizzati da altri soggetti devono essere idonei a favorire la ricollocazione professionale del lavoratore, intendendo idonei anche i corsi previsti come obbligatori nell’ambito del rapporto di lavoro.

E’ previsto l’esonero dall’obbligo di formazione se nel periodo di sospensione non sono disponibili corsi per sospesi, finanziati od organizzati da Agenzia del lavoro, o se questi si svolgono in un luogo che dista più di 50 chilometri dalla residenza/domicilio del lavoratore o comunque sia raggiungibile mediamente in più di 80 minuti con i mezzi di trasporto pubblici, o qualora nel semestre precedente il lavoratore abbia già frequentato corsi con il medesimo contenuto e durata rispetto a quelli disponibili.

Come si accede

Il datore di lavoro comunica ad Agenzia del lavoro, per ogni semestre, le ore di Cig fatte dai propri dipendenti che maturano il diritto all’integrazione al reddito. 

La comunicazione è effettuata seguendo queste indicazioni:

  • inviando l'apposito modulo datori all'indirizzo servizimpiego.adl@pec.provincia.tn.it;
  • al modulo dovrà essere allegata copia dell’informativa in materia di protezione dei dati personali ai sensi degli artt. 13 e 14 del Regolamento UE n. 679 del 2016, debitamente firmata da ciascuno dei lavoratori per i quali è richiesta l’integrazione al reddito.
    .

Agenzia del lavoro, previa verifica dell’assolvimento dell’obbligo di formazione, procederà poi direttamente al pagamento.

Torna all'inizio