Titoli di acquisto (voucher) per l’accesso a progetti individualizzati di inserimento lavorativo di persone con disabilità o svantaggiate

In questa sezione puoi trovare informazioni su progetti e interventi per favorire l’inserimento lavorativo di persone con disabilità o in condizione di svantaggio presso cooperative sociali di inserimento lavorativo o altri operatori economici con particolari requisiti

In cosa consiste

L’intervento 3.3.C "Titoli di acquisto (voucher) per l’accesso a progetti individualizzati di inserimento lavorativo di persone con disabilità o in condizione di svantaggio - Intervento 3.3.C" prevede la concessione di un titolo d’acquisto (voucher) a favore di persone con disabilità o in condizione di svantaggio in costanza di rapporto di lavoro per permettere loro di usufruire di un insieme integrato di azioni di accoglienza, affiancamento e supporto. Queste azioni sono realizzate dal soggetto attuatore tramite l'affiancamento di un tutor e di un responsabile sociale.

Per "soggetto attuatore" si intendono aziende operanti in provincia di Trento che garantiscano la qualità sociale dell’inserimento lavorativo.

I soggetti attuatori per l'anno 2020 sono i seguenti: Lista soggetti attuatori

Il valore nominale e la durata del titolo d’acquisto (voucher) per l’inserimento lavorativo sono definiti tenendo conto del tipo di disabilità o svantaggio del destinatario e del tipo di rapporto di lavoro prefigurato dal progetto.

chi è rivolto

Per richiedere il titolo di acquisto (voucher) è necessario essere disoccupati al momento della domanda ed essere:

  • persone in carico al servizio sociale
  • persone con disabilità (anche non iscritte agli elenchi di cui alla L. 68/1999);
  • persone, in trattamento psichiatrico, in carico al competente servizio sanitario;
  • utente del servizio alcologia;
  • utente del SERD;
  • donna vittima di violenza segnalata dai competenti servizi sociali;
  • persone cui si applicano le disposizioni di cui al titolo I dell'ordinamento penitenziario;
  • persone il cui stato detentivo o di restrizione della libertà sia cessato da non oltre 24 mesi. La condizione di svantaggio sarà valutata, in questo caso, solo in considerazione di un documento che riporti la data di cessazione della misura detentiva o di restrizione della libertà;
  • cittadino straniero sottoposto a situazioni di violenza o grave sfruttamento, come individuato dagli articoli 18 e 18-bis del Decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286 (Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero);
  • minori in età lavorativa in situazioni di difficoltà familiare;

   

I destinatari devono essere residenti in provincia di Trento al momento dell’assunzione ad eccezione dei seguenti casi:

  • persone con disabilità iscritte nell’elenco della L. 68/99;
  • persone detenute o internate negli istituti penitenziari;
  • condannati ed internati ammessi alle misure alternative alla detenzione;
  • cittadini stranieri sottoposti a situazioni di violenza o grave sfruttamento.

Come fare richiesta

  1. Il servizio pubblico segnalante o la persona con disabilità o in condizione di svantaggio, destinataria dell’intervento, sceglie il soggetto attuatore con cui definire il progetto individualizzato di inserimento lavorativo;
  2. la domanda di approvazione del titolo d’acquisto (voucher) corredata dal progetto va inviata all'Agenzia del Lavoro che valuta ed eventualmente lo approva;
  3. con l’approvazione del progetto, alla persona viene assegnato il titolo d’acquisto (voucher) che deve essere utilizzato presso il soggetto attuatore che ha collaborato alla messa a punto dello stesso e che si è impegnato alla sua realizzazione.

Come farsi riconoscere come soggetto attuatore

Possono richiedere il riconoscimento come soggetto attuatore le cooperative sociali di tipo B) o altri operatori economici che presentano i requisiti indicati nel Documento degli interventi di politica del lavoro della XVI Legislatura - SFIDA 3 - Allegato 3.3.C da pag. 65 a pag. 68

Per essere riconosciuti è necessario presentare annualmente il Piano di impresa con la documentazione richiesta per permettere all'Agenzia del Lavoro la valutazione della sostenibilità economica e delle strategie attivate per inserimenti lavorativi di qualità. Precondizione necessaria per essere riconosciuti come soggetti attuatori è l'approvazione del Piano di impresa da parte di Agenzia del Lavoro.

La documentazione per presentare il Piano di impresa è descritta nel Documento degli interventi di politica del lavoro e nelle sue disposizioni attuative.

Torna all'inizio