Contributi per la conciliazione vita-lavoro e Marchio Più Valore

Sostegno alle imprese che innovano la propria organizzazione attraverso politiche di diffusione dei regimi di orario con finalità conciliative e promuovono la permanenza e la valorizzazione delle competenze femminili. 

In cosa consiste

Si tratta di un sostegno alle imprese che prevede:

  1. la concessione di contributi, fino ad un massimo di 20.000 euro per progetti della durata di 12 mesi, sostenuti da accordo sindacale e volti ad attuare progetti di riorganizzazione degli orari di lavoro finalizzati a favorire la conciliazione vita-lavoro e/o la valorizzazione di genere nel lavoro
  2. il rilascio del Marchio di Certificazione Più Valore, da parte di Agenzia del lavoro, ai datori di lavoro aderenti al processo di certificazione Family-Audit che si impegnano in politiche volte a favorire una più equa rappresentanza tra i generi effettuando azioni mirate in termini di pari opportunità

Requisiti

Requisiti del progetto per la concessione dei contributi

Datori di lavoro del settore privato con sede legale o operativa in provincia di Trento.

Per la concessione dei contributi, il datore di lavoro dovrà presentare un progetto della durata di 12 mesi, entro una finestra temporale in via di definizione.

I progetti prevedono l’analisi della situazione aziendale in relazione alla tematica oggetto di finanziamento e azioni in una o più delle seguenti linee di intervento:

- flessibilizzazione dell’orario (tra cui telelavoro e smart working, introduzione banca delle ore, definizione di criteri per la trasformazione a parttime per bisogni conciliativi, pari trattamenti in termini di flessibilità oraria e opportunità di astensione dal lavoro in relazione alle esigenze di conciliazione vita lavoro consentite agli occupati tra i diversi contratti di lavoro);

sistema premiale incentrato sul merito e non sulla presenza;

politiche di gestione della maternità/genitorialità;

politiche di selezione del personale non pregiudizievoli alla componente femminile;

formazione (ventaglio delle opportunità indirizzate ad entrambi i generi, organizzazione oraria delle attività formative non sfavorevoli alla componente femminile);

aumento della presenza femminile nell’organico e nei ruoli apicali;

politiche di age management: riorganizzazione delle attribuzioni di attività e competenze in ragione della fase del ciclo di vita e dell’età anagrafica;

- altre linee che favoriscano la conciliazione vita-lavoro e la valorizzazione di genere nel lavoro.

Il contributo è concesso ai sensi dei regolamenti “de minimis” ed è determinato in proporzione alle azioni e alla percentuale di lavoratori coinvolti.

Il medesimo datore può presentare domanda di contributo per progetti annuali per un massimo di 3 volte su linee o destinatari diversi, a condizione di mantenere attive le azioni oggetto del/i finanziamento/i già concessi.

Per l'ammissibilità del progetto può essere previsto un parere positivo da parte di un nucleo di valutazione.

Requisiti per il rilascio del marchio Più valore

 

Per il Marchio Più Valore, datori di lavoro del settore privato con sede legale operativa in Provincia di Trento, aderenti al processo di certificazione FamilyAudit.

Il rilascio del marchio Più Valore è subordinato all’impegno a realizzare politiche aziendali innovative, favorevoli alla valorizzazione dell'equità. con particolare riferimento all'equilibrio di genere in materia di selezione, formazione, valutazione del personale, distribuzione dell’organico per qualifica e tipologia contrattuale e alla realizzazione di efficaci pratiche organizzative di gestione della maternità.

Per la conferma finale del Marchio al termine del processo Family-Audit, i datori di lavoro devono evidenziare profili di miglioramento; a tal fine, sono confrontati ex ante ed ex post i dati relativi alla distribuzione dei generi nell’organico, nei ruoli apicali e nelle diverse tipologie contrattuali.

Come si accede al contributo

È in via di definizione la finestra temporale entro cui sarà possibile presentare domanda.

Torna all'inizio