3.G - Corsi fuori catalogo

Rimborso, in tutto o in parte, della quota di iscrizione a percorsi professionalizzanti.

Cos'è?

E’ un contributo per la partecipazione a corsi formativi. Il corso deve avere l’obiettivo di far acquisire al partecipante competenze e abilità operative per l’esercizio di una professione o per l’inserimento lavorativo, con contenuti di carattere prevalentemente professionalizzante, spendibili nel mercato del lavoro.

Il corso deve avere la durata minima di n. 40 ore pro-capite e terminare entro 8 mesi dalla data di avvio, eventuale tirocinio compreso. Sono finanziabili corsi di durata inferiore solo se finalizzati al rilascio di abilitazioni e/o patentini previsti da specifiche leggi. Il corso può svolgersi su tutto il territorio nazionale con qualsiasi ente formativo.

Requisito indispensabile per la liquidazione del contributo è la frequenza di almeno l’80% del monte ore previsto dal corso.

Non sono finanziabili i seguenti corsi:

  • corsi di formazione individualizzata;
  • corsi che si svolgono all’estero;
  • corsi per patenti nautiche e brevetti di volo, ad eccezione dei corsi per il pilotaggio di droni;
  • corsi per i quali è già previsto, per disoccupati o sospesi, un importo di iscrizione agevolato o un contributo pubblico;
  • corsi che prevedono, in tutto o in parte, l’insegnamento della lingua italiana;
  • corsi che prevedono moduli di lingua straniera di durata superiore al 30% del monte ore d’aula/laboratorio;
  • corsi per patenti di guida di categoria A e B;
  • master proposti da Università;
  • corsi in materia di sicurezza per Responsabile o Addetto del servizio di prevenzione e protezione (RSPP/ASPP), Preposto, Addetto al servizio  antincendio e Addetto al primo soccorso.

 Il contributo viene erogato in riferimento alla durata oraria del corso nel seguente modo:

  • corsi fino a 60 ore: massimo Euro 500,00;
  • corsi da 61 a 120 ore: massimo Euro 1.000,00;
  • corsi da 121 a 180 ore: massimo Euro 1.500,00;
  • corsi da 181 a 240 ore: massimo Euro 2.000,00;
  • corsi da 241 a 300 ore: massimo Euro 2.500,00;
  • corsi da 301 ore e oltre: massimo Euro 3.000,00

Sono previste eccezioni a tali importi per i corsi riferiti a patenti di guida, alla carta di qualificazione del conducente (CQC) e per i corsi previsti da specifiche leggi ai sensi della normativa provinciale.

A chi è rivolto?

Il contributo è riservato a disoccupati o lavoratori in Cassa integrazione domiciliati in provincia di Trento.

Come si accede?

Il disoccupato deve presentare la domanda di contributo presso il Centro per l’impiego; in alcuni Centri per l’Impiego è necessario fissare un appuntamento.

Alla domanda, oltre al curriculum vitae firmato in originale, dovrà essere allegata una scheda denominata “progetto professionale” dove si espongono le ragioni che motivano la scelta del percorso, considerando la propria storia lavorativa e personale e gli obiettivi da raggiungere per gli eventuali sbocchi professionali.

Infine, alla domanda dovrà essere allegata la documentazione e/o brochure del percorso formativo, da cui si desuma il costo della quota di iscrizione/partecipazione e l’eventuale ricevuta del pagamento della quota di iscrizione (se già versata).

Il contributo è concesso dall'Agenzia del Lavoro in conformità al parere del "Nucleo di valutazione degli interventi di formazione" che ha il compito di verificare la qualità del corso assegnando a questo un punteggio secondo i criteri dallo stesso Nucleo predefiniti, con la precisazione di una soglia minima di accesso al finanziamento.

I corsi abilitanti finalizzati al rilascio di abilitazioni/patentini previsti da specifiche leggi, sono ammessi a contributo senza valutazione. 

Modulistica

Elenco completo della modulistica da presentare:

  • Domanda di contributo (in marca da bollo da € 16)
  • Progetto professionale (dove si espongono le ragioni che motivano la scelta del percorso)
  • CV firmato in originale
  • Documentazione/brochure del percorso formativo, da cui si desuma il costo della quota di iscrizione/partecipazione

La modulistica va consegnata presso il Centro per l'impiego di competenza che potrà anche fornire supporto nella compilazione.

RITIRO O RINUNCIA AL CONTRIBUTO

In caso di ritiro/rinuncia si prega di compilare il seguente modulo e inviarlo via pec a formazione.adl@pec.provincia.tn.it allegando la scansione della carta d’identità (formato PDF). In alternativa si può compilare il modulo di ritiro/rinuncia direttamente presso il Centro per l’impiego.

Torna all'inizio