Lavoratori

Strumenti personali

La ciliegia

Periodo di raccolta dalla seconda metà di giugno e la raccolta prosegue fino alla metà di luglio per le qualità meno precoci e più in quota (800 metri s.l.m circa).

In Trentino la ciliegia viene coltivata in modo intensivo soprattutto nella zona attorno a Pergine Valsugana. Qui operano diverse aziende che ogni anno hanno necessitano di personale da destinare sia alla raccolta, sia alla cernita del frutto.

Il lavoro avviene quasi sempre sulle scale (a parte per le piante più giovani e piccole). Non è un lavoro difficile ma necessita di pazienza, capacità di operare sulle scale e resistenza al caldo che spesso accompagna tutta la giornata dell’operaio (8/9 ore). Le ciliegie si raccolgono una ad una, assieme al picciolo, compagno indispensabile della ciliegia per poterla commercializzare. Si lavora tutti i giorni della settimana, ad esclusione, di norma, del sabato. Infatti la domenica i camion non possono circolare sulle strade e quindi, al sabato, i magazzini sono chiusi, salvo che per il conferimento di alcune qualità particolarmente pregiate e dotate di una maggiore “self life”che si riesce a conservare nelle celle frigorifero fino al lunedì. La ciliegia è un frutto molto deperibile: una volta raccolta dalla pianta deve possibilmente poter arrivare al consumatore entro 24/48 ore. Non si conserva, anche tenuta in locali refrigerati, oltre i 4/5 giorni.

Oltre ai raccoglitori le aziende agricole assumono anche dei cernitori. Questi devono visionare tutte le ciliegie raccolte, togliere i frutti difettosi (rovinati dal marciume, dal becco degli uccelli, dalla pioggia ecc…) e suddividerli poi in vari cestini a seconda della pezzatura (grandezza) del frutto. Infatti le ciliegie più grosse e belle riescono a spuntare prezzi maggiori sul mercato.

I principali consorzi di produttori di ciliegie sono la cooperativa frutticoltori di S.Orsola, la cooperativa frutticoltori di Susà e Alpefrutta, tutte situate nelle zone del perginese e della Bassa Valsugana. Le aziende più grandi offrono anche la possibilità di un alloggio gratuito in zona, purché il lavoratore dia garanzia di rimanere per tutto il tempo della raccolta (2/3 settimane). Altre zone di produzione dei piccoli frutti sono l’ Alto Garda, e le Valli Giudicarie.

Azioni sul documento