Lavoratori

Tu sei qui: Home Servizi lavoratori Interventi per l'occupazione femminile 15. DAL LAVORO A PAPA' - Interventi per favorire il coinvolgimento dei papà nell’attività di cura
Strumenti personali

15. DAL LAVORO A PAPA' - Interventi per favorire il coinvolgimento dei papà nell’attività di cura

Per coinvolgere il padre nell’attività di cura in alternativa alla madre lavoratrice mediante un maggior utilizzo del congedo parentale l’Agenzia del Lavoro eroga un sostegno economico (Intervento n.15: Dal Lavoro a papà - Interventi per favorire il coinvolgimento dei papà nell’attività di cura, pag. 80 del Documento degli interventi di politica del lavoro 2015-2018).

A chi è rivolto

Ai padri di figli di età inferiore ai 12 anni.

L’Agenzia del Lavoro eroga un sostegno economico ai padri che richiedono il congedo parentale. Il padre deve essere: residente in provincia di Trento occupato con contratto di lavoro subordinato presso un datore di lavoro privato, oppure occupato prevalentemente (almeno per il 60% del tempo lavorativo) in un’unità produttiva localizzata in provincia di Trento, anche se domiciliato e/o residente al di fuori della provincia di Trento, con contratto di lavoro subordinato presso un datore di lavoro privato.

La madre nel periodo in cui viene richiesto il congedo deve essere lavoratrice (alle dipendenze, associata in partecipazione o una lavoratrice autonoma).

Il sostegno economico non è concesso nel caso in cui la madre lavoratrice sia assente dal lavoro per astensione anticipata obbligatoria, per astensione obbligatoria o per congedo parentale.

Il sostegno economico può essere richiesto per periodi continuativi di congedo parentale pari a 30 giorni, fino ad un massimo di 4 mesi complessivi (120 giorni), per ciascun figlio entro il compimento del dodicesimo anno di vita. I periodi di congedo parentale inferiori a 30 giorni non danno diritto al sostegno economico.

In cosa consiste

L’intervento prevede la concessione di un sostegno economico al padre fino al 40% della sua retribuzione entro il massimale di € 900 per un massimo di quattro mesi; il sostegno economico è aumentato al 50% nel caso di richiesta del congedo parentale a partire dal 7° mese di richiesta (ovvero dal 181° giorno di congedo parentale complessivamente richiesto sommando i giorni di congedo richiesto chiesti fino alla data di avvio del congedo dalla madre e dal padre).

I contributi non sono cumulabili con agevolazioni analoghe previste dalla normativa provinciale.

Come si accede

Il padre lavoratore dovrà presentare domanda, prima dell'inizio della fruizione del periodo di congedo parentale per cui si richiede il sostegno economico e comunque non prima di 60 giorni dall’inizio dello stesso.

Modulistica

Per la modulistica contattare l'Osservatorio del Mercato del Lavoro all'indirizzo osservatoriosegreteria@agenzialavoro.tn.it

Per informazioni

UFFICIO OSSERVATORIO DEL MERCATO DEL LAVORO Contatti, indirizzi e orari

Azioni sul documento