Lavoratori

Tu sei qui: Home Servizi lavoratori Lavoro autonomo Scheda interventi nazionali lavoro autonomo
Strumenti personali

Scheda interventi nazionali lavoro autonomo

Le agevolazioni nazionali che favoriscono la nascita e lo sviluppo dell'imprenditorialità

Gli interventi nazionali

Le agevolazioni nazionali che favoriscono la nascita e lo sviluppo dell’imprenditorialità sono applicabili nel territorio della Provincia Autonoma di Trento solo nei Comuni che hanno le caratteristiche per rientrare nelle aree di cui all’Obiettivo 2 dei fondi strutturali comunitari. Le iniziative nazionali si distinguono in:

  • autoimpiego (decreto legislativo 185/2000 Titolo II)

    lavoro autonomo

    (ex legge 608/95 prestito d’onore): è destinata a persone che intendono avviare un’impresa individuale e che, al momento della presentazione della domanda, devono essere maggiorenni, risiedere dal 01/01/2000 in uno dei comuni appartenenti all’Obiettivo 2 e non essere occupati da almeno 6 mesi. Prevede finanziamenti a titolo di “de minimis”, sia a fondo perduto che con mutuo a tasso agevolato, volti a coprire spese d’investimento e di gestione. Nella fase di avvio offre inoltre assistenza tecnica anche con incontri individuali. Sono escluse dalle agevolazioni le attività che operano nel settore dell’agricoltura e dei trasporti.

    microimpresa

    è destinata a società di persone neo costituite, di cui almeno il 50% dei soci, al momento dell’avvio dell’attività, deve essere maggiorenne, risiedere dal 01/01/2000 in uno dei comuni appartenenti all’Obiettivo 2 e non essere occupato da almeno 6 mesi. Prevede finanziamenti a titolo di “de minimis”, sia a fondo perduto che con mutuo a tasso agevolato, volti a coprire spese d’investimento e di gestione. Offre inoltre assistenza tecnica anche con incontri individuali.

    franchising

    è destinata a persone che intendono avviare un’impresa individuale o società in qualità di franchisee (affiliato) con i franchisor (affilianti) che hanno stipulato la convenzione di accreditamento con Invitalia. Al momento della presentazione della domanda, il neo imprenditore o almeno il 50% dei soci devono essere maggiorenni, risiedere dal 01/01/2000 in uno dei comuni appartenenti all’Obiettivo 2 e non essere occupati da almeno 6 mesi. Prevede finanziamenti a titolo di “de minimis”, sia a fondo perduto che con mutuo a tasso agevolato, volti a coprire spese d’investimento e di gestione. Nella fase di avvio offre inoltre assistenza tecnica anche con incontri individuali. Sono escluse dalle agevolazioni le attività che operano nel settore dell’agricoltura e dei trasporti.

  • autoimprenditorialità

    L.95/95 Produzione e servizi alle imprese (Imprenditorialità giovanile)

    si rivolge a nuove società o cooperative costituite in maggioranza sia numerica che di capitali da giovani di età tra i 18 ed i 29 anni o interamente da giovani tra i 18 e i 35 anni. I giovani devono essere residenti alla data del 01 gennaio 1994 nei comuni appartenenti all’Obiettivo 2. Le imprese devono avere sede legale ed operativa nei medesimi territori. Sono ammesse ai benefici previsti da questa norma le imprese che operano nel settore della produzione di beni in industria ed artigianato, nel settore della produzione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli e nell’ambito della fornitura di servizi alle imprese. Sono concessi finanziamenti per l’investimento (in parte a fondo perduto ed in parte con mutui a tasso agevolato), per le spese di gestione (a fondo perduto a titolo di de minimis) e servizi di formazione generale e specialistica.

    L.236/93 Fornitura di servizi

    si rivolge a nuove società o cooperative costituite in maggioranza sia numerica che di capitali da giovani di età tra i 18 ed i 29 anni o interamente da giovani tra i 18 e i 35 anni. I giovani devono essere residenti alla data del 01 gennaio 1994 nei comuni appartenenti all’Obiettivo 2. Le imprese devono avere sede legale ed operativa nei medesimi territori. Sono ammesse ai benefici previsti da questa norma le imprese che offrono dei servizi nei settori del turismo, manutenzione di opere civili ed industriali, tutela ambientale, innovazione tecnologica e fruizione dei beni culturali. Sono concessi finanziamenti per l’investimento (in parte a fondo perduto ed in parte con mutui a tasso agevolato), per le spese di gestione (a fondo perduto a titolo di de minimis) e servizi di formazione generale e specialistica.

    L. 135/97 Subentro in agricoltura

    si rivolge a giovani agricoltori in età compresa tra i 18 e 35 anni che intendono subentrare ad un parente entro il secondo grado nella conduzione dell’azienda agricola, sotto forma di impresa individuale. Al momento della presentazione della domanda di agevolazione, i giovani devono essere residenti nei comuni appartenenti all’Obiettivo 2, nello stesso territorio deve anche essere localizzata l’azienda agricola. Sono ammesse ai benefici previsti da questa norma le imprese che producono, trasformano e commercializzano prodotti agricoli e che siano compatibili con le disposizioni contenute nei POR e nel Piano di Sviluppo Rurale. Sono concessi finanziamenti per l’investimento (in parte a fondo perduto ed in parte con mutui a tasso agevolato) e servizi di assistenza tecnica, non sono invece previsti contributi per le spese di gestione.

    L. 448/98 Cooperative sociali di tipo B

    si rivolge a cooperative sociali di tipo b), cioè quelle di inserimento lavorativo caratterizzate dalla presenza al proprio interno di una quota pari ad almeno il 30% di soggetti svantaggiati. Possono accedervi sia nuove cooperative che quelle già esistenti purchè i soci presentino determinati requisiti in merito all’età e siano residenti nei comuni appartenenti all’Obiettivo 2 alla data del 1° gennaio 1999. Sono ammesse ai benefici previsti da questa norma le cooperative che operano nel settore della produzione di beni in industria ed artigianato, nel settore della produzione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli e nell’ambito della fornitura di servizi alle imprese. Sono concessi finanziamenti per l’investimento (in parte a fondo perduto ed in parte con mutui a tasso agevolato), per le spese di gestione (a fondo perduto a titolo di de minimis) e servizi di formazione, di qualificazione professionale e di assistenza tecnica.

Le suddette agevolazioni sono gestite in ambito nazionale dalla società Invitalia Spa.

Pertanto per più dettagliate informazioni è necessario rivolgersi a:

Invitalia Spa
Via Calabria, 46 – 00187 Roma
call center 848 8868886
e-mail: info@invitalia.it
indirizzo internet: http://www.invitalia.it

Azioni sul documento