Aziende

Tu sei qui: Home Servizi aziende Diritto al lavoro dei disabili Sei un’impresa soggetta all’obbligo di cui alla Legge 68/99 e vuoi conoscere gli strumenti previsti dal Documento degli Interventi di politica del lavoro previsti per favorire l'inserimento lavorativo dei disabili?
Strumenti personali

Sei un’impresa soggetta all’obbligo di cui alla Legge 68/99 e vuoi conoscere gli strumenti previsti dal Documento degli Interventi di politica del lavoro previsti per favorire l'inserimento lavorativo dei disabili?


Gli incentivi all'assunzione

A chi sono rivolti

Ai datori di lavoro che assumono a tempo indeterminato (o, in particolari casi, a tempo determinato) soggetti disabili iscritti negli elenchi di cui all'articolo 8 della Legge 68/99

In cosa consistono

Gli incentivi all'assunzione dei soggetti disabili sono strumenti di politica del lavoro che hanno lo scopo di favorire l'inserimento lavorativo di persone in difficoltà occupazionale (vedi Tabella I - Incentivi per l'occupazione di deboli, svantaggiati e disabili - a pagina 47 del documento degli interventi di politica del lavoro 2015 - 2018.)

Procedura per la fruizione degli incentivi all'assunzione dei lavoratori disabili.

Chi può fare richiesta

Il datore di lavoro che intende assumere una persona disabile presenta i moduli di richiesta dell'incentivo:

  • Domanda generale di accesso all'Intervento 5 (sarà a breve resa disponibile)
  • Dichiarazione del datore di lavoro per accedere all'Intervento 5 - fascia disabili (sarà a breve resa disponibile)

Sulla domanda deve essere affissa una marca da bollo da € 16,00; la domanda deve essere presentata entro 60 giorni dalla data di assunzione.

Entro 60 giorni dalla data di assunzione il datore di lavoro presenta anche il modulo di richiesta di riconoscimento, necessario per poter computare il lavoratore disabile assunto, a copertura o futura copertura della quota d'obbligo prevista dalla Legge 68/99: Richiesta di riconoscimento di lavoratori inseriti ai sensi della L. 68/99.

L'Agenzia verifica se sussistono i requisiti in capo al lavoratore e al datore di lavoro per concedere l'incentivo, che si differenzia in base al tipo ed alla percentuale di invalidità, al fatto che il datore di lavoro sia soggetto o meno all’obbligo della Legge 68/99 e al tipo di contratto applicato, se a tempo indeterminato o determinato. Una volta accertato il tipo di beneficio eventualmente spettante, al datore di lavoro verrà comunicata per iscritto la tipologia dell'incentivo che verrà concesso e le modalità di erogazione.

Se fosse accertato che l'assunzione non può dare luogo ad alcun beneficio per l'assenza dei requisiti previsti dall'Intervento 5, al datore di lavoro verrà comunicato il mancato accoglimento della domanda di incentivo, motivando il diniego.

L’erogazione dei contributi assegnati avviene a rate annuali posticipate per le assunzioni a tempo indeterminato o successivamente alla conclusione del rapporto di lavoro per le assunzioni a tempo determinato. La maturazione del contributo è prevista a rate trimestrali posticipate.

Per informazioni

UFFICIO INSERIMENTO LAVORATIVO SOGGETTI SVANTAGGIATI

Contatti, indirizzi e orari


Incentivi alla conservazione dell'occupazione a favore delle persone con disabilità

A chi è rivolto

Ai datori di lavoro con dipendenti che in costanza di rapporto di lavoro hanno conseguito una disabilità come di seguito specificata:

  • invalidi civili con disabilità di tipo fisico con percentuale pari o superiore al 67%;
  • invalidi civili con disabilità di tipo psichico con percentuale pari o superiore al 60% o con diversa percentuale prevista dalla normativa nazionale utile ai fini del riconoscimento a copertura della quota d'obbligo, in costanza di rapporto di lavoro;
  • invalidi del lavoro con percentuale pari o superiore al 34%.

In cosa consiste

Per favorire il mantenimento del posto di lavoro di persone diventate disabili in costanza di rapporto di lavoro, l’Agenzia del lavoro può riconoscere un contributo al datore di lavoro che è costretto ad adottare delle modifiche organizzative, anche relativamente alle mansioni affidate, affinché siano compatibili con l'invalidità, tali da consentire al lavoratore medesimo di continuare a svolgere la propria attività lavorativa.

Il contributo è pari ad €. 5.000,00 per ogni lavoratore interessato e verrà liquidato in un'unica soluzione dopo 12 mesi dalla data di presentazione della domanda. Il contributo è concesso ai sensi del Regolamento (UE) 1407/2013 (de minimis).

Visualizza l'Intervento 6.C Incentivi alla conservazione dell'occupazione a favore delle persone con disabilità

Chi può fare richiesta

La richiesta viene fatta dal datore di lavoro.

Per informazioni

UFFICIO INSERIMENTO LAVORATIVO SOGGETTI SVANTAGGIATI

Contatti, indirizzi e orari


Tirocinio formativo e di orientamento

A chi è rivolto

Datori di lavoro disponibili a collaborare per ospitare persone disabili iscritte all’elenco di cui alla Legge 68/99 o persone svantaggiate.

La persona non deve essere coniuge, parente o affine entro il secondo grado del datore di lavoro che ospita il tirocinante e, nel caso di società non cooperative, dei titolari o dei soci delle stesse.

In cosa consiste

Il tirocinio costituisce un'esperienza professionalizzante sul luogo di lavoro e può essere sostenuto da momenti di formazione teorica integrata all'esperienza pratica e sviluppata, in base anche alle indicazioni dei datori di lavoro ospitanti che collaborano all'attuazione del tirocinio.

I tirocini possono essere di tipo:

  • orientativo di durata massima di 12 o 24 mesi;
  • formativo di durata massima di 12 mesi per svantaggiati e di 24 mesi per disabili, con possibilità di finanziare la formazione sia per la docenza interno che extra aziendale.

Ai tirocinanti possiamo erogare una borsa di tirocinio di € 70,00 settimanali e provvediamo alla copertura INAIL e R.C.T.

Inoltre, possiamo finanziare la formazione nell’ambito dei tirocini formativi con un contributo al datore di lavoro per rimborsare il costo del lavoro del docente interno (minimo 20 ore – massimo 120 ore) e coprire eventuali costi di docenza extra aziendale (massimo 50%).

Chi può fare richiesta

L’Operatore di riferimento Legge 68/99 del Centro per l’Impiego, in base ad un progetto personalizzato di collocamento mirato per il singolo utente, propone e concorda con il datore di lavoro disponibile l’inserimento della persona.

Per informazioni

Centri per l'Impiego

Contatti, indirizzi e orari


Formazione per persone con disabilità o svantaggiate

A chi è rivolto

Questo intervento è rivolto alle persone con disabilità iscritte all’apposito elenco provinciale e persone svantaggiate in stato di disoccupazione.

Se la persona è extracomunitaria, deve essere in regola con le norme nazionali che disciplinano l’ingresso ed il soggiorno dei cittadini extracomunitari nel territorio dello Stato per motivi compatibili con un lavoro di carattere non stagionale.

La formazione viene effettuata allo scopo di sostenere la preparazione professionale e facilitare l’inserimento lavorativo.

In cosa consiste

Si tratta di un progetto formativo, individualizzato o rivolto a più persone che l’azienda intende assumere al termine del percorso. Il percorso formativo deve prevedere un'attività di insegnamento interna o esterna, con una formazione di almeno 80 ore, e deve essere realizzato in massimo 6 mesi dalla concessione del finanziamento, che sarà erogato previa assunzione del lavoratore.

Visualizza l'Intervento 8.A

Chi può fare richiesta

La richiesta viene fatta dal datore di lavoro che presenta domanda all’Agenzia del Lavoro.

Per informazioni

UFFICIO INSERIMENTO LAVORATIVO SOGGETTI SVANTAGGIATI

Contatti, indirizzi e orari


Accrescimento delle competenze dei lavoratori disabili o svantaggiati

A chi è rivolto

Questo intervento è rivolto alle persone con disabilità assunte secondo le norme del collocamento mirato e alle persone svantaggiate.

Se la persona è extracomunitaria, deve essere in regola con le norme nazionali che disciplinano l’ingresso ed il soggiorno dei cittadini extracomunitari nel territorio dello Stato per motivi compatibili con un lavoro di carattere non stagionale.

La formazione si pone la finalità di accrescere le competenze per facilitare o migliorare l’inserimento occupazionale nonché per prevenire un eventuale ritorno in stato di disoccupazione

In cosa consiste

Si tratta di un progetto formativo, individualizzato o rivolto a più persone, a favore di lavoratori assunti con contratto a tempo indeterminato o determinato di almeno 12 mesi. Prevede un'attività di insegnamento interna o esterna e una formazione, realizzata direttamente dai datori di lavoro, di almeno 80 ore che deve essere realizzata in massimo 6 mesi. Si specifica che non è finanziabile la formazione in caso di assunzione con contratto di apprendistato

Visualizza l'Intervento 8.B

Chi può fare richiesta

I datori di lavoro presentano domanda all’Agenzia del Lavoro.


Adeguamento del luogo di lavoro

A chi è rivolto

Questo intervento è rivolto ai datori di lavoro per favorire l'inserimento lavorativo o la conservazione del posto di lavoro di persone con disabilità, assunte o che verranno assunte a copertura degli obblighi previsti dalla Legge 68/99, a condizione che il rapporto di lavoro sia a tempo indeterminato o a tempo determinato di durata di almeno 12 mesi.

In cosa consiste

L’intervento consiste in modifiche organizzative, tecniche, materiali e acquisto di strumenti e attrezzature particolari per adeguare il posto di lavoro alle capacità lavorative della persona con disabilità. L’Agenzia del lavoro rimborsa le spese di adeguamento fino a un massimo di € 6.000,00 (minimo 300,00 €).

Non sono ammessi costi finanziati o sostenuti da altri soggetti pubblici.

Visualizza l'Intervento 9 Adeguamento del luogo di lavoro a favore delle persone con disabilità

Chi può fare richiesta

La richiesta viene fatta dal datore di lavoro tramite un'apposita domanda da presentare all'Agenzia del Lavoro.

Per informazioni

UFFICIO INSERIMENTO LAVORATIVO SOGGETTI SVANTAGGIATI

Contatti, indirizzi e orari

Azioni sul documento