Aziende

Tu sei qui: Home Servizi aziende Apprendistato Corsi di n. 320 ore
Strumenti personali

Corsi di n. 320 ore

Corsi di n. 320 ore

I corsi di n. 320 ore sono previsti dagli “Interventi di politica del lavoro per il triennio 2008-2010” dell’Agenzia del Lavoro e attualmente sono facoltativi per le aziende con apprendisti minori.

Se l’azienda sceglie di aderire ai percorsi di 320 ore, deve compilare un modulo, chiamato “Piano formativo individuale”, che contiene una prima parte anagrafica (dati dell’azienda, del tutore aziendale e dell’apprendista) ed una seconda parte relativa all’identificazione del percorso formativo del proprio apprendista.

In particolare:

  1. l’azienda aderisce alle 160 ore culturali proposte dall’Istituto Scolastico Superiore;

  2. l’azienda aderisce alle 160 ore professionalizzanti che possono essere progettate e realizzate dal medesimo Istituto di Istruzione Superiore che attua le ore culturali se l’apprendista ha una qualifica riferita ad un settore formativo specifico dell’Istituto di Istruzione Superiore (es. Turismo per l’istituto “Battisti” – TN) e/o da un Centro di Formazione Professionale.

    (Per le 160 ore professionalizzanti possono essere progettati moduli appositi per i minori oppure si può prevedere di inserire i minori nei moduli previsti per l’apprendistato professionalizzante – vedi catalogo e mappa moduli sul sito dell’Agenzia del Lavoro);

  3. l’azienda poi, con la collaborazione e l’aiuto del tutore dell’alternanza, compila un progetto di formazione formale in azienda di almeno n. 80/100 ore. Per fare ciò l’azienda può:

    • attingere dal catalogo moduli dell’apprendistato professionalizzante e riportare sulla scheda di progettazione della formazione formale in azienda (vedi allegato 4 “Scheda progettazione formazione formale. Moduli realizzati in azienda”), l’obiettivo formativo da raggiungere e le attività lavorative dell’apprendista;
    • progettare il modulo ex novo utilizzando la scheda di progettazione della formazione formale in azienda (vedi allegato 4), specificandone titolo, contenuti, durata.

    In entrambi i casi, al termine della formazione formale, l’azienda dovrà certificare le competenze raggiunte dall’apprendista compilando il modulo di certificazione delle competenze acquisite (Allegato 6).

    Durante la formazione formale l’azienda segnerà sull’allegato 5 “Agenda del percorso formativo” le tappe del percorso (obiettivi, attività svolte, orario, ecc.)

  4. Inoltre l’azienda deve individuare e descrivere la formazione non formale con le attività che l’apprendista deve svolgere nei vari anni di apprendistato (vedi allegato 2 “Formazione non formale: le attività svolte in azienda”). Tale formazione è da intendersi come formazione attuata principalmente per affiancamento in contesto produttivo e tesa a conseguire l’apprendimento di abilità tecnico-operative.

Nell’eventualità che l’apprendista ricopra una figura professionale non presente nell’allegato 2, l’azienda deve identificare almeno 10 attività oggetto della formazione non formale. L'allegato 2 è disponibile per 28 figure professionali (si faccia riferimento alla modulistica).

Per questo impegno complessivo l’azienda riceve un contributo annuo di € 3.500,00 per apprendista.

Azioni sul documento