Agenzia

Tu sei qui: Home Agenzia del lavoro Normativa old - DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO Regolamenti DISPOSIZIONI ATTUATIVE DEL DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO 2011-2013. - INTERVENTO 4.6
Strumenti personali

DISPOSIZIONI ATTUATIVE DEL DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO 2011-2013. - INTERVENTO 4.6

INTERVENTI FORMATIVI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA DEI LAVORATORI SUL LAVORO (INTERVENTO 4.6)

DISPOSIZIONI ATTUATIVE DEL DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO

Approvate con la deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 1 luglio 2013

Art. 1 - Finalità

  1. Le presenti disposizioni attuative disciplinano l’intervento 4.6 del Documento degli Interventi di Politica del Lavoro 2011-2013.

Art. 3 - Finanziamento di attività informative e formative aziendali o interaziendali

  1. Le attività informative e formative aziendali o interaziendali in materia di salute e sicurezza sono disciplinate dalle disposizioni relative agli interventi formativi collettivi di aggiornamento (intervento 4.5 del Documento degli Interventi di Politica del lavoro 2011 – 2013), fatto salvo quanto riportato specificatamente nei successivi commi del presente articolo.

  2. Sono finanziabili attività formative con durata minima di n. 6 ore e attività informative per la durata minima di n. 4 ore. Le ore si intendono pro-capite.

  3. In relazione all’indice di frequenza e gravità degli infortuni, che rappresenta di fatto la rischiosità di un settore produttivo, le richieste relative ad attività formative delle aziende, degli organismi paritetici o degli enti bilaterali dei settori produttivi riportati nella tabella, sono finanziabili secondo le misure percentuali indicate:

    Settori ad alto rischio (finanziamento max 100% dei costi ammissibili)
    Edilizia, costruzioni
    Lavorazioni del legno
    Lavorazioni agricole
    Minerario, estrattivo
    Settori a medio rischio (finanziamento max 70% dei costi ammissibili)
    Manifatturiero
    Chimico, carta
    Attività di trasporti
    Esercizi e servizi - limitatamente ai servizi di sorveglianza e pulizia
    Settori a basso rischio
    Sono escluse dai finanziamenti le attività formative per aziende che operano in settori a basso rischio di infortuni
  4. Le attività informative sono finanziabili nella misura massima del 70% dei costi ammissibili indipendentemente dal settore di attività.

  5. Coerentemente alla normativa nazionale, i partecipanti sono tenuti a raggiungere una soglia minima di frequenza pari al 90% del monte ore formativo. In caso contrario il finanziamento è ridotto pro-quota. Per pro-quota si intende l’ammontare definitivo del contributo diviso per il numero dei partecipanti.

  6. I finanziamenti coprono le seguenti voci di spesa:

    Docenza:

    docenti senior (docente universitario, almeno associato, e/o persona in possesso di esperienza lavorativa o di docenza almeno decennale nel settore / materia oggetto di insegnamento): max € 123,00/h omnicomprensivi se residente fuori provincia e max € 100,00/h omnicomprensivi se residente in provincia di Trento;

    docenti junior (docenti privi delle sopraccitate caratteristiche): max € 70,00/h omnicomprensivi;

    docenti interni costo orario del personale incaricato, previo affidamento con lettera di incarico firmata per accettazione. Nel caso di docenza effettuata da personale non dipendente per il quale non sia possibile ricostruire il costo orario (titolari, soci, collaboratori esterni…) è riconosciuto il costo orario dichiarato, nel limite massimo del costo orario previsto dal contratto collettivo di riferimento per quadri e dirigenti.

    Fatto salvo quanto previsto espressamente dalla normativa, non sono finanziabili moduli di formazione personalizzata all’interno di percorsi collettivi.

    Non sono finanziabili le spese per la codocenza.

    Non sono finanziabili le spese per tutoraggio.

    Non sono finanziabili le spese di viaggio, vitto ed alloggio dei corsisti.

    Materiali didattici: si riconosce un importo massimo di € 15,00 per corsista, relativamente all’acquisto documentato di libri, dispense, supporti multimediali. Per le attività informative l’importo massimo è di € 5,00 per corsista.

    Non sono finanziabili le spese per affitto aule e/o laboratori; si riconoscono le spese relative all'affitto di cantieri attrezzati o al noleggio di attrezzature per l'effettuazione della formazione e delle prove pratiche previste dalla normativa in materia di salute e sicurezza sul lavoro (D.Lgs. 81/08 e successive disposizioni attuative delle stesso), nella misura massima di €600,00/giornata.

    Analisi dei bisogni/progettazione formativa: si riconosce un monte ore massimo pari al 15% delle ore formative, comunque nel limite massimo di n. 40 ore esclusivamente per interventi di prima realizzazione per un costo massimo di € 80,00/h omnicomprensivi. La voce non è riconoscibile per le attività informative.

    Elaborazione materiali didattici: si riconosce un monte ore pari al 10% delle ore formative, comunque per un massimo di n. 20 ore per max € 80,00/h omnicomprensivi.

    Gestione del corso: si riconosce un monte ore massimo pari al 15% delle ore di docenza, al costo max di € 40,00/h omnicomprensivo e comunque nel rispetto del limite massimo di n. 80 ore

Art. 4 - Finanziamento di attività di analisi dei bisogni, progettazione, monitoraggio, valutazione degli interventi formativi, correlati con l'organizzazione del lavoro e l'organizzazione della sicurezza

  1. I finanziamenti potranno essere erogati a fronte di progetti formativi, strettamente correlati con l'organizzazione del lavoro e l'organizzazione della sicurezza accompagnati da misure volte alla riduzione dei rischi, che prevedano attività di analisi dei bisogni, progettazione, monitoraggio e valutazione degli interventi formativi, nonché il sostegno all'attuazione delle misure di tipo organizzativo previste nel Documento di valutazione dei rischi aziendali.
  2. I finanziamenti possono essere erogati nella misura massima di € 2.500,00 per aziende fino a 10 lavoratori, € 5.000,00 per aziende da 11 a 35 lavoratori e € 10.000,00 per aziende con oltre 35 lavoratori; gli stessi non sono cumulabili, a parità di voci di spesa, con finanziamenti di analogo contenuto che possono essere erogati dall'INAIL.
  3. Fermo restando quanto previsto al successivo comma 4, per quanto attiene la definizione di lavoratore e le modalità del computo ai fini dell’individuazione del contributo di cui al comma 2, vige quanto previsto dalla normativa nazionale in materia di igiene e sicurezza sui luoghi di lavoro ed in particolare quanto previsto, rispettivamente, all’art. 2 comma 1, lettera a) e all’art. 4 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81.
  4. Nel computo vengono compresi il datore di lavoro e il coniuge o i parenti entro il II grado dei medesimi che operano all’interno dell’azienda come dipendenti o collaboratori familiari.

Azioni sul documento