Agenzia

Tu sei qui: Home Agenzia del lavoro Normativa old - DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO Regolamenti DISPOSIZIONI ATTUATIVE DEL DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO 2011-2013. - INTERVENTO 20.2
Strumenti personali

DISPOSIZIONI ATTUATIVE DEL DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO 2011-2013. - INTERVENTO 20.2

Approvate dal Consiglio di Amministrazione con deliberazione n. 27 di data 30/04/2015

INTERVENTO 20.2 Progetti pluriennali nei lavori socialmente utili

Art. 1 Decorrenza e contenuto della sperimentazione

  1. L’ Agenzia del Lavoro attua, per i servizi domiciliari a persone anziane, i “Progetti pluriennali nei lavori socialmente utili”.

Art. 2 Individuazione degli ambiti territoriali

  1. Per ciascun biennio l’Agenzia del Lavoro assegna alla sperimentazione 10 opportunità occupazionali appartenenti a due realtà geografiche diverse (5 opportunità occupazionali per ogni realtà). Gli ambiti territoriali da coinvolgere nella sperimentazione per ciascun biennio sono individuati con deliberazione del Consiglio di Amministrazione dell’Agenzia del Lavoro preventivamente alla presentazione delle ipotesi di progetto sperimentale pluriennale da parte degli Enti potenzialmente interessati.

Art. 3 Criteri di selezione dei progetti

  1. Qualora vengano presentati più di un progetto sperimentale per ciascun ambito territoriale individuato dal Consiglio di Amministrazione, l’Agenzia del Lavoro provvede all’istruttoria, anche comparativa, delle azioni proposte, procedendo al finanziamento del solo intervento che meglio corrisponda alle finalità perseguite e che garantisca una maggiore probabilità di successo in termini di efficacia e di economicità.

Art. 4 Monitoraggio e valutazione

  1. In corso di esecuzione l’andamento dei progetti sperimentali approvati è oggetto di costante monitoraggio da parte dell’Agenzia del Lavoro, in accordo con gli Enti titolari dei progetti ed i Servizi socio-sanitari territoriali. Analoga puntuale attenzione è riservata alla verifica ex post dell’esito degli interventi realizzati, i quali vengono valutati non solo in termini di qualità dei servizi offerti, ma anche in ragione del numero di assunzioni in lavori socialmente utili successivamente trasformate in lavori ordinari a tempo indeterminato (cd. transitività).

Azioni sul documento